friulano

216px-Bandiere_dal_Friûl.svg

Origini del dialetto Friulano:

Grazie alla sua posizione strategica, in un territorio attraversato dalle rotte commerciali, il Friuli è stato, sin dall’antichità, luogo di contatto tra diverse culture e varietà linguistiche, classificabili in neolatine (friulano, Veneto, italiano), slave (al confine orientale) e germaniche (in Val Canale e sulle Alpi Carmiche).
Il linguaggio friulano, sebbene sia sempre stato a contatto con le parlate circostanti, e per questo abbia subito un lieve appiattimento, si è sempre mantenuto vivo e recentemente sta vivendo un momento di rinascita grazie al sentimento di identità culturale della popolazione friulana. L’origine storica del friulano va rintracciata nel l’evoluzione del latino rustico aquileiese, inteso come la lingua parlata dai primi coloni Sanniti giunti nella regione nel 181 A.C., contaminata da elementi linguistici celtici. I Celti infatti adottarono la lingua dei dominatori parlandola con la loro inflessione dando vita ad una lingua “rustica” che verso il IV secolo dopo Cristo, raggiunse una sua precisa identità e una diffusione non trascurabile. Lo sviluppo di questa lingua popolare però si arrestò per via della dominazione dei Longobardi che sottrassero il Friuli al l’influenza Latina, consentendo alla parlata rustica di evolversi nel friulano, secondo un processo che durò fino al secolo X. Nonostante la lingua non fosse riconosciuta ufficialmente dai ceti più alti che parlavano il tedesco o il latino, a partire dal XII secolo si registra una produzione sempre crescente di testi letterari in friulano, testimonianze di una lingua dotata di una precisa individualità, comprendente termini non traducibili ma solo latinizzabili. I secoli 400 e 500 sono caratterizzati da una scarsa produzione, forse a causa della crisi del patriarcato, ma nel 600 si registra una nuova fioritura grazie alla poesia di Ermes da Colloredo. Il buio del 1700 è seguito dalla fervida poesia dello Zorutti e dalla prosa della Percoto nel 1800, seguiti da una schiera di autori che si inseriscono in varie correnti letterarie. Negli anni ’50 fu PierPaolo Pasolini a creare una nuova poesia svelando le reali potenzialità della lingua friulana attingendo dalle sue radici romanze, esprimendo con freschezza e immediatezza le nuove forme della lirica contemporanea.

Dal Dialetto alla Lingua – Grammatica Contrastiva

Grafia Ufficiale Della Lingua Friulana

Grammatica Fonetica Friulana

La Pronuncia Del Friulano Standard

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *